Martedì 22 Novembre 2011 17:44

Capelli e alimentazione

Scritto da  Tamara Rosso Duva
Valuta questo articolo
(0 Voti)

Non si devono ignorare qualità e quantità di cibo che assumiamo pensando che non riguardi la salute dei nostri capelli. è vero proprio il contrario: la salute dei capelli passa anche dalla tavola.

Una dieta equilibrata e varia costituisce un’importante premessa per mantenerli sani, forti, lucenti e per prevenire la loro caduta e mantenere nel tempo l’intensità del colore naturale. I capelli sono costituiti da proteine solide, come la cheratina, in una percentuale tra il 65% e il 95% e per il resto da acqua, lipidi, pigmenti ed oligoelementi, per cui è strettamente necessario fornire con il cibo il giusto nutrimento: glucidi, proteine, vitamine, grassi, minerali.

È importante sapere che la cheratina del capello è composta da due amminoacidi essenziali, la cistina e la lisina, presenti nelle carni, nel pesce, nel fegato, nella selvaggina e in alcuni tipi di verdure. Per integrarle ed evitare di vedere i capelli più fragili, secchi, sottili o meno vaporoso occorrerebbe mangiare alternativamente carni bianche e rosse e pesce due volte alla settimana. Ma non bisogna dimenticare assolutamente l’importanza di un’equilibrata assunzione degli zuccheri, preferibilmente quelli integrali (come il pane, la pasta, tutti i tipi di cereali), evitando possibilmente quelli semplici e/o raffinati.

Attenzione anche ai grassi, da consumare con moderazione, e alle vitamine, da assumere invece in abbondanza, mangiando frutta e verdura fresche almeno una volta al giorno. Se poi capita di mangiarne in entrambi i pasti principali, tanto meglio. Importante anche il ferro, poi lo zinco, il magnesio e infine il rame, che partecipa al processo di composizione della melanina, proteina che colora il capello.

Studi recenti hanno dimostrato che nei regimi alimentari della grande maggioranza delle famiglie italiane è presente un’ampia varietà di tutti gli elementi nutritivi necessari al sostentamento dell’intero organismo e perciò anche dei capelli.

Spesso, però, vengono commessi dei gravi errori che possono alterare la composizione dell’alimentazione rendendola meno equilibrata, come ad esempio diete molto restrittive per perdere il peso in eccesso o mantenere una linea perfetta (caso in cui invece si tende ad assumere moltissima verdura e frutta, giungendo in alcuni casi a ignorare la grande importanza dei nutrienti per eccellenza, come i carboidrati e le proteine).

Molto frequenti sono poi le carenze di proteine, che causano fragilità dello stelo del capello, secchezza, diminuzione del diametro: una dieta senza proteine, già dopo soli 10 giorni, arriva a far ridurre sensibilmente il diametro del bulbo dei capelli, causando una perdita del pigmento talmente grave che a volte porta fino all’atrofia; peraltro possono danneggiarsi anche le unghie e la pelle, poichè sono composte anche loro in maggior parte di cheratina.

Ogni spazzolata diventa un dramma perchè sul pettine rimane un gran numero di capelli, anche se non tutti sanno che la maggior parte sono solamente degli steli spezzati e non capelli interi, ma comunque il fatto stesso che i capelli si spezzino non è di certo un segno positivo. Infine una dieta troppo povera di oligoelementi, di minerali o di vitamine può provocare una massiccia caduta di capelli; il lato positivo è che gli effetti sono reversibili se gli squilibri alimentari vengono corretti in tempo e non ripetuti.

Tamara Rosso Duva

Tamara Rosso Duva

Fiorentina di nascita, ha studiato tricologia negli U.S.A. e collabora con diverse aziende del settore.

Altro in questa categoria: Capelli: le 5 regole anti-caduta »

Lascia un commento

Le informazioni con l'asterisco (*) sono obbligatorie.

You are here Blog Tricologia Tricologia Capelli e alimentazione