Venerdì 09 Marzo 2012 14:46

Capelli: le 5 regole anti-caduta

Scritto da  Tamara Rosso Duva
Valuta questo articolo
(0 Voti)

I capelli non vanno maltrattati ma protetti e conservati con cura come ogni altra parte del nostro corpo. Così come è essenziale una buona igiene dentaria per prevenire danneggiamenti dei nostri preziosissimi denti, così è altrettanto opportuno un controllo periodico dei nostri tanto amati capelli.

La prevenzione è l'unica "arma" contro l'avanzare della caduta e le alterazioni del ricambio. Nelle stagioni di transizione (autunnoprimavera) la caduta dei capelli spesso aumenta perché l'uomo conserva una manifestazione ancestrale propria di altri mammiferi pelosi: la muta. Nei periodi aprile-maggio e settembre-novembre alcuni ormoni, informati soprattutto dalle ore di luce, attivano un processo sincronizzato di caduta con un aumento del numero dei capelli che cadono. Si tratta di un fatto fisiologico che non è causa di calvizie definitiva. La caduta dei capelli dopo l'estate è un avvenimento frequente conseguente a una maggiore esposizione al sole. Intorno ai 50 anni per le donne, con l'avvicinarsi della menopausa i capelli tendono ad assottigliarsi e indebolirsi. Tipica, inoltre, è quella dopo una gravidanza o dopo un intervento chirurgico. Condizioni psicofisiche difficili, soprattutto se prolungate, possono provocare un aumento della caduta dei capelli, talora anche molto pronunciata. Fra le altre cause si possono citare gli shock emotivi, i periodi di super-attività (studio, responsabilità professionali, difficoltà familiari, problemi di relazione, ecc.), attività sportive o professionali faticose e non associate a regimi alimentari compensativi, superlavoro e malattie debilitanti.

Alcuni accorgimenti per prevenire la caduta di capelli prevedono per lo più una modifica del proprio stile di vita che, se reso più positivo, servirà anche a migliorare le proprie condizioni di salute generale. Pertanto se la caduta di capelli non dipende da fattori genetici, allora è il caso di seguire alcune linee guida per prevenire la caduta di capelli e impedire che questa degeneri in vera e propria calvizie.

1. Seguire una dieta equilibrata.

È importante seguire un'alimentazione equilibrata e soprattutto regolare. Infatti, saltare i pasti o mangiare irregolarmente (al di fuori dei pasti principali) può incentivare la caduta di capelli. Sono sconsigliate, inoltre, le diete drastiche per perdere peso in quanto privano l'organismo delle vitamine e dei sali minerali necessari per rendere i capelli sani, forti e lucidi.

2. Integrare proteine e calcio.

È necessario che l'organismo abbia il giusto apporto di proteine e calcio. Per fare questo si può ricorrere all'uso d'integratori o al consumo di determinati cibi ricchi di tali sostanze (fagioli, pesce, soia, latte, yogurt, formaggio e noci).

3. Ridurre lo stress.

Molto spesso lo stress, l'eccessiva stanchezza o i ritmi di vita troppo frenetici, ledono il benessere dell'organismo. Non a caso alcune patologie come obesità, impotenza e la stessa calvizie, vengono accentuate notevolmente dalla condizione psicologica che si vive. Ecco perché ridurre lo stress aiuta a prevenire la caduta di capelli e a ripristinare un generale benessere psicofisico.

4. Evitare abuso di fumo, alcol, droghe e farmaci.

Generalmente l'abuso di farmaci o sostanze dannose si riflette sull'aspetto di capelli, denti e unghie. Anche il fumo comporta delle conseguenze negative, stimolando la caduta di capelli o rendendoli visibilmente opachi.

5. Scegliere prodotti adatti per la cura dei capelli. 

È importante scegliere per la cura dei propri capelli prodotti adatti alla loro fisiologia, che siano delicati e non aggressivi.

Ultima modifica Venerdì 09 Marzo 2012 19:16
Tamara Rosso Duva

Tamara Rosso Duva

Fiorentina di nascita, ha studiato tricologia negli U.S.A. e collabora con diverse aziende del settore.

Lascia un commento

Le informazioni con l'asterisco (*) sono obbligatorie.

You are here Blog Tricologia Tricologia Capelli: le 5 regole anti-caduta